Lampade catalitiche

E’ scientificamente provato che la lampada catalitica distrugge le molecole dei cattivi odori, arrestano la proliferazione dei batteri e, allo stesso tempo, emette una gradevole e persistenze profumazione.
Le molecole all’origine degli odori sgradevoli passano nella camera di combustione della lampada e qui si mischiano all’ossigeno che si produce nel processo di ossidazione dell’alcool contenuto nell’essenza profumata e si trasformano in sostanze innocue e inodori. Il tutto avviene senza emissione di fumo nell’aria e in totale assenza di fiamma.
L’essenza deve essere riposta all’interno della lampada per un massimo di 2/3 della capacità della stessa. Si inserisce lo stoppino e si chiude la lampada con il tappo sigillante.
Attendere  per  circa 20 minuti che lo stoppino si impregni a dovere di essenza, dopo di che  si rimuove il tappo e si accende la parte alta della lampada. La fiamma va spenta dopo un paio di minuti. A questo punto inizia la “combustione catalitica” e la lampada comincia il suo processo di profumazione e sanificazione dell’ambiente circostante. Mezz’ora di funzionamento della lampada sono sufficienti per profumare una stanza di circa 20 mq.
Per interrompere la combustione, senza attendere l’esaurimento dell’essenza, bisogna apporre il tappo sigillante facendo attenzione a non ustionarsi.

Visualizzazione di tutti i 6 risultati